Lievito madre? Mi piace anche perché non si butta niente… Sourdough, I love it, because nothing go wasted…

piadine1

Ieri mi sono ritrovata a leggere alcuni articoli sulla nuova controversia “Lievito madre sì, Lievito madre, ma anche no”. Sembra, infatti che dopo la nuova moda, che faceva spuntare barattoli di vetro nel frigo di ogni essere umano con la passione per il forno, ora all’improvviso il mondo dei “grandi” del lievitato si stia di nuovo dividendo in due fazioni contrapposte. E sembra anche che il lievito madre non sia poi così fantastico, né abbia queste caratteristiche così osannate a livello organolettico.  Nel mio piccolo, so che quando ho iniziato a panificare per diletto e a lavorare gli impasti con il mio lievito, sono cambiate molte cose: io la differenza la percepisco eccome, nel gusto, nella freschezza, nella maggior durata del prodotto e so con certezza, che finchè il barattolo conserverà quell’aroma leggermente acidulo, continueremo le nostre avventure a 250° gradi, ma quello che mi chiedo è  perché dover per forza voler creare scuole di pensiero, su qualcosa di così antico ed elementare come il lievito naturale? Non si può semplicemente seguire il proprio gusto e scegliere o meno che tipo di lievito si preferisce?

Comunque discussioni fashion a parte, io trovo che già il fatto che non si butti nulla, ma proprio nulla, del lievito madre, di questi tempi, mi dà una sensazione di benessere, tanto che tutto il resto è solo una chiacchiera: quando solitamente rinfresco la mia dose da conservare, c’é sempre un di più a disposizione e tra le varianti che ho provato ci sono le  simil-piadine, che sono una valida alternativa al pane, e se per cena avete a disposizione qualche formaggio morbido e dei salumi sono perfette.

Non serve aggiungere nulla, solo appiattire con un matterello il vostro esubero di pasta madre, prendere un padellino da crepes o frittate, e cuocere salando e spennellando con un pochino di olio extravergine d’oliva se volete arricchire il vostro risultato finale.

E sul fronte lievito, vi lascio questo articolo interessante, trovato saltando di qua e di la, che Jamie Oliver, dedica proprio al nostro amico. A voi tirar le vostre conclusioni in merito…

piadina2

Yesterday, I was reading some articles about this new controversy  about using or not using the Sourdough. It seems , in fact, that after a while this new trend, which made appear glass jars in everybody’s fridge or at least, in the fridge of whoever is showing some oven addiction, now all of a sudden, the same baking world is again dividing into two opposite factions. It also seems that this yeast is not so great, nor have these amazing organoleptic features as previously told. In my poor opinion, I know that since I started to bake for fun and work the dough with my own one, many things have changed : I can smell and taste the difference and I know with certainty, that as long as the jar retain that  slightly sour smell, we will continue our adventures at 250 degrees , but what I wonder is why we always need to create official schools of thought on something so ancient and elementary as the natural yeast? Can we just simply follow our own taste ?

However cool food discussions aside, I find that the simple fact that you do not throw nothing , absolutely nothing , of this yeast , nowadays, it gives me a feeling of well-being , and I consider everything else just a rumor : usually when I refresh my dose of yeast to be retained, there is always a bunch more available and between the various recipes, I’ve tried this sort of wraps, which are a great alternative to bread for dinner if you have available some soft cheese or some ham.

You do not need to add anything, just flatten the dough with a rolling pin, take a crepes or omelets pan, some salt and cook brushing with a little extra virgin olive oil if you want to enrich your flatbread.

Regarding all the previous speech, I leave you this interesting article, found around the web and written by Jamie Oliver, dedicated to our friend … You can draw your own conclusions …

piadina3

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...