Crocché per due… Potato balls for two…

Cominciano ad esser giorni intensi, tra le ultime compere, il menù dei pranzi, la scelta degli accessori per la tavola… ed ogni tanto non riesco a sedermi al pc per più di mezz’ora… Ieri ho preparato uno degli stuzzichini con cui ho conquistato mio marito, qualche anno fa: pur non essendo napoletana, apparentemente i miei crocché sono proprio come dovrebbero esser, e visto che il suo giudizio per me è come un faro nella nebbia, devo crederci e rallegrarmene.

Se non li avete mai fatti, la mia ricetta è semplice e sicuramente senza colpi di scena, ma vi garantisco che il risultato sarà garantito almeno all’80%, visto che poi dipende sempre molto dalle patate che scegliete!!

Per un 1kg, di patate a pasta gialla e non troppo farinose, ci vuole un uovo intero ed un rosso, un ciuffetto di prezzemolo da tagliare fino, una bella spolverata di noce moscata, un etto di parmigiano grattugiato e pepe e sale a seconda dei gusti.

Bollite e pelate le patate per poi passarle nello schiacciapatate. Amalgamate in una ciotola tutti gli ingredienti e lasciate riposare un’oretta. Mentre l’impasto “riposa”, tagliate a dadini un paio di boccocini di fiordilatte (lo preferisco alla mozzarella, perché contenendo meno latte, non va strizzato troppo) e preparate l’occorrente per l’impanatura: usando l’albume avanzato, unite un altro uovo e sbattete (per chi ha tempo c’é anche un’opzione doppia impanatura per avere la crosticina più spessa…) e in due piatti separati mettete farina e pangrattato.

Formate le vostre crocchette (crocché qui a Napoli) della dimensione preferita: se si tratta di una cena familiare più grandi, ma se è per un aperitivo è carina anche la versione mignon da presentare con piccole forchettine a lato. Al centro mettete un tocchetto abbondante di fiordilatte, richiudete bene e passate nel piatto con la farina.  Subito dopo, tuffate la crocchetta nell’uovo, un passaggio veloce e poi nel pangrattato…

Una volta pronte potrete friggerle o passarle in forno: la tradizione vuole che siano obbligatoriamente fritte, ma sono buone in tutte le versioni!

Ora torno ad impastare: il sabato di tanto in tanto, un’altra richiesta sono Montanare e Panzerotti… mai assaggiati?🙂

♣♣♣♣♣♣♣♣♣♣♣

These are for me really busy days (when I was a tv producer, I thought to have the busiest day in the world, but that was nothing compared !!!) and yesterday I had no chance to post my husband’s favorite appetizers: potato balls Neaples’s style (we called them crocché as for “croccante” aka “crunchy” for the final result of bread fried).

If you want to try this bit of yummy paradise, you will need 1 kg. of yellow potatoes (choose the ones not too soft for this recipe, they will work much, much better): boil and clean them, then add 1 egg and 1 yolk, 100 gr. of grated parmesan cheese, some grated nutmeg, some chopped fresh parsley, pepper and salt as you like.

You mix well everything in a bowl and while the mix stays for a while, you prepare all the stuff for the crunchy cover: you will need some white flour, 1 egg and the previous egg-white you saved  and enough breadcrumbs.

Take some potato mix and make little balls (or bigger if you prefer), you insert a chopped bit of mozzarella cheese inside, then you roll it into the flour dish, then into the egg sauce and finally into breadcrumbs. Usually this balls are meant to be fried, but I tried them in the oven and I am sure you will love the healthy version, too!!

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...