Alle prese con una pasta lunga… Dealing with longsize Gragnano pasta…

Passate le feste mi sono ritrovata con un quantitativo enorme di pasta, dalle dimensione e dalle forme, tutt’altro che usuali (ho scoperto veramente un universo di cui ignoravo molto…), il problema è che tutta questa pasta prima o poi deve trovare la sua sua giusta ricetta, così ho deciso di iniziare dalla più “impegnativa”. Perché la più impegnativa, direte? Perchè i ziti lunghi (o “e Zit’ Luong, come si dice in napoletano), se mai un giorno deciderete di cuocerli per intero, come ha fatto la sottoscritta, hanno bisogno di una pentola eccezionalmente grande, dimenticatevi che una volta buttati in acqua, si ammorbidiscano come la pasta di grano più commerciale… non fate questo errore, perché potrete ritrovarvi con metà pasta lessa e metà cruda😦

Comunque senza perdermi troppo d’animo, con un occhio alla pasta, ho preparato una besciamella leggera, sciogliendo 100 grammi di burro e fuori dal fuoco, aggiungendo 120 grammi di farina, e poco alla volta, 1 litro meno un cucchiaio di latte… Mescolate bene e non si formeranno grumi, distraetevi, e dovrete optare per una salsa diversa! (positiva oggi eh?)

Finito con il latte, aggiungete un pizzico di sale e mettete il tutto di nuovo sul fuoco: in questa fase, è importare girare in maniera costante, la vostra crema e appena il tutto bollirà, aggiungete velocemente 1 uovo intero ed un albume, un etto di pancetta, tagliata a dadini (o se preferite della salsiccia o del prosciutto crudo) e 50 grammi abbondanti di parmigiano reggiano grattugiato.

Scolate la pasta al dente e una volta condita con la vostra besciamella, mettetela in una pirofila (c’é da sfidare un saltimbanco nel farlo, ma vale la pena!), spennellatela con il tuorlo diluito nel cucchiaio del latte (ecco a cosa serviva!), condite con altro parmigiano grattugiato, una spolverata di pepe e di noce moscata… E mettete il tutto in forno a 200° per 20 minuti…

Mio marito avrebbe preferito una salsa più vigorosa (in effetti era molto leggera), ma per il primo esperimento con la pasta di Gragnano, mi posso accontentare…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...