Befana al lavoro… Epifany at work…

Finite di riempire le calzette di quest’anno, contenta ma stanca, ho notato che c’era un quantitativo notevole di albumi d’uovo, che chiedeva impietoso di esser consumato quanto prima. Inizialmente combattuta, al pensiero dall’esperimento mal riuscito con i macarons (qualcuna di voi, via mail, mi ha caldamente suggerito di non demordere e di riprovare in futuro, per dare una chance a questi dolcetti francesi… ça va sans dire, come direbbe ma tante!), ho cercato perplessa una ricetta alternativa, e quasi per caso mi sono imbattuta nella ricetta di un dolce americano, la famosa Angel Cake, prodigio e sinonimo di sofficità e leggerezza (tanto che in molti libri di ricette, la trovate anche sotto il nome di Chiffon Cake!).

Inutile dire che il risultato è stato un tuffo al cuore… leggera come un battito d’ali (o quella era la velocità con cui è stata divorata???🙂

Come prima volta ho utilizzato metà ricetta, quindi se volete, provate a raddoppiare direttamente il tutto: risultato garantito! Io ho utilizzato 6 albumi d’uovo (corrispondenti più o meno a 215 grammi), 1 cucchiaio scarso di lievito per dolci (sostituendo il cremor tartaro che è previsto dalla ricetta originale), 100 gr. + 75 gr. di zucchero (capirete poi il perché così suddivisi), aroma di vaniglia o di limone, 75 grammi di farina setacciata e 1 pizzico di sale.

Bisogna sbattere gli albumi a neve con il pizzico di sale ed il lievito: aggiungete poi i primi 100 grammi di zucchero, 2 cucchiai alla volta, fino a che non si scioglie completamente. Aggiungete a questo punto i vostri aromi, vaniglia o limone, e setacciate la farina con gli altri 75 grammi di zucchero a vostra disposizione. Fatto questo, aggiungete questi due ultimi ingredienti agli albumi, facendo attenzione a mescolare dall’alto in basso per non smontare il composto.

Per la Angel Cake è richiesto uno stampo particolare, che ricorda molto quello da budino o da babà, quindi non fatevi frenare dal non avere il modello giusto, e ricordate : stranamente lo stampo non va imburrato o infarinato!!!

Il tutto va in forno a 180° per 35 minuti circa, una volta sfornato il dolce, attendete che si raffreddi, e con un coltello, scostate leggermente i bordi dalla teglia, prima di rovesciarlo su un piatto… Ci metterà un pò, ma si staccherà magicamente da solo, e a quel punto potrete scegliere se ricoprirlo di glassa, di zucchero a velo, o come ho fatto io con del cacao amaro (per contrastare il dolce zuccherino…)

Angel Cake? Non vedete che mi sono già spuntate le ali??? Altro che scopa!!!

Once I finished with this year’ Befana (Epifany) stockings, I was tired but happy, and I realised there was a good amount of egg whites to use. I was in doubt, considered my failure with macarons, to make another cake with them, and suddenly I found a nice translation for the Angel Cake!!!

Unbelievable… the cake is finished after few minutes, I used half amount for my first time, so if you are going to use this recipe, double the ingredients and the result is guaranteed!

I mounted 6 egg whites with a pinch of salt and half tablespoon of yeast. Then I added 100 grams of white sugar, 2 tablespoons per time, until it was well melted and then some vanilla or lemon aroma. In another bowl, I worked 75 grams of all purpose flour with 75 grams of sugar: once done, I melted the flour with the egg whites, being careful to do not ruin the mounting…

I used a simple baking pan that I normally use for babà, and put everything in the oven at 180° for 35 minutes without using butter or flour for the pan (the magic of this cake, is that it will naturally come out from the baking shape without any problem!). Once the cake was ready, I decided to use simple dark cocoa powder to enrich and balance the sugarish of the recipe… you can go for icing or sugar, as you prefer, but for sure you will get a pair of wings when people will taste your cake!!! Amazingly softly!

 

 

  1. Hai iniziato l’anno benissimo con queste belle ricette!!!mi hai dato un’ottima idea con la zita, è un formato che uso spesso ma sempre spezzata,cosi posso variare e fatta gratinare deve essere uno spettacolo!!!addio alla dieta!!!!baci baci Tittina

  2. Pingback: Angel Cake al profumo di Limoncello… Angel Cake with Limoncello aroma… | Questione di gusto … A question of taste

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...