Kermesse della Chiacchiera 3pt. – Chiacchiera Collection Episode 3

Il fatto che stamattina mio marito mi abbia guardato sbigottito chiedendomi  “ma le chiacchiere di ieri sono già finite?”, la dice lunga sul fatto che questa kermesse per qualcuno è già durata anche troppo (certo si trattasse di moussaka o cevapcici, sono sicura che cambierebbe idea, ma questa è un’altra storia!), ma la perseveranza con il forno continua a spronarmi a testare nuove ricette, che spuntano da giornali, internet, enciclopedie e volumi tematici…

Quindi dovrete continuare a pazientare ancora qualche giorno, ma alla fine magari troverete la ricetta più convincente e potrete sperimentare voi stessi!!! Fatta questa minima premessa, la Chiacchiera di oggi è stata ribattezzata la Mascherata, e non difficile capire il perchè, visto che il risultato è tutto fuorché quello che sembra…

Ricetta estremamente facile e di sicuro effetto se avete dei bimbi in casa, non necessita di impastatrice, ma di manine volenterose, e anche all’ultimo secondo potrete improvvisare, avendo semplicemente a disposizione farina, uova e zucchero!! Se poi siete alla ricerca di una base neutra con cui giocare agli stuzzichini salati, questa sicuramente fa al caso vostro! Croccante, spiritosa e dal gusto deciso, devo aggiungere altro?

Vi serviranno 400 grammi di farina forte, 4 uova , un pizzico di sale (non potete non averli) e braccia ragionevolmente allenate… Impastate il tutto e lasciate riposare fuori dal frigo per una mezz’ora. Trascorso questo tempo, armatevi di matterello e cominciate a stendere a rettangolo l’impasto, fino allo spessore di qualche millimetro, spolverate circa un etto di zucchero (di più se volete, a vostro gusto) e della scorza grattugiata di arancia sul rettangolo (ma anche di limone o pompelmo se preferite un gusto più agrodolce), e passate un ultima volta come se voleste “incastonare” zucchero e arancia nell’impasto. Arrotolate il vostro rettangolo, e tagliate come se si trattasse di pasta fresca: una volta ottenuti i vostri rotolini, potrete lasciarli così e decorarli con dello zucchero colorato, potrete srotolarli e riavvolgerli come se si trattasse di tagliatelle fresche, o facendo delle treccine, potrete inventarvi un portauovo o un portatovagliolo per qualche merenda da ragazzi… Insomma qui entrate in campo voi e la vostra fantasia, perché questo impasto si lavora che è una meraviglia e si può giocare con tante versioni.

Io come vedete dalla prima foto ho optato per la Chiacchiera Mascherata da Finto Pranzo🙂

Anche questo impasto, può esser fritto o cotto al forno (180° per 10 minuti), a voi la scelta calorica!

Questa ricetta la dedico a Caris, al suo meraviglioso blog, e alla sua iniziativa per la Fondazione Santa Lucia, che trovate cliccando sul banner

My husband this morning simply asked me “Had yesterday’s Chiacchiere already finish?”, so I understood that my 2011 collection of this experiment is becoming a little bit weird for him (if I was going to experiment new ways to cook Moussaka or Cevapcici, I am sure he was going to be much happier than…), but he doesn’t know that my baking addiction is pushing me again to test new recipes, coming out from books, magazines, internet and from any single corner of my kitchen.

The one of today is very simple and I am sure kids will love it, so you just need to open your shelf and get: 400 grams of flour, 4 eggs and a pinch of salt.

Mix well everything until you get a strong dough, then let it stand for at least 30 minutes. Once it’s ready, take a rolling pin and start shaping a rectangle, few millimeters high: at this point you can go for a salty Chiacchiera or you can choose a sweet one (by the way, the one of today is called Fake Chiacchiera!), and if you go for the sweet you will to put on your rectangle, 100 grams of white sugar (or more) and some grated orange zest (or lemon or grapefruit, if you love a less sweet taste!). At this point, just push a bit, while you’re making the final passage with your rolling pin (sugar and orange zest will gently go into the dough).

Roll the rectangle as you’re going to prepare fresh pasta, and cut in circles: you can decide to model your dough as fake tagliatelle or leave it in circles or go for pigtail you can use to insert chocolate eggs (I am giving you some ideas to use during Easter time) or napkins, but remember you can just shape it as you like it, because the dough is simply great to model!!!

You can then decide to fry or go for the oven (180° per 10 minutes), but I can tell you for sure, the result will be tasty and crunchy in both ways!!! Anyone wants to taste??

This recipe is dedicated to Caris, to her wonderful  blog, and for supporting the campaign for the Fondazione Santa Lucia

  1. Pingback: Una ricetta per il Santa Lucia | Cooking Planner

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...