Signori e signore, la mia prima Pastiera… Ladies and Gents, my first Pastiera cake…

Ci sono odori e sapori, che riportano alla memoria, momenti precisi della nostra vita. Quando sono arrivata in questa terra bellissima, baciata dal sole e lambita dal mare, mio suocero mi ha raccontato le emozioni, che un dolce riusciva a suscitare in lui, sin dall’infanzia, un dolce che si associava a delle immagini ben precise, semplicemente annusando gli aromi che il forno sprigionava a fine cottura, mi disse “sai cosa rappresenta meglio di ogni altra cosa la primavera di questi luoghi? La pastiera…”

E quando il cibo diventa linguaggio delle emozioni, la ricetta di arricchisce di una valenza ulteriore, un richiamo per il cuore irresistibile. Per questo, dedico la mia prima Pastiera alle persone che amo e che mi hanno fatto conoscere altri panorami, e che giorno dopo giorno, mi insegnano che la vita è, anche e soprattutto, nelle cose piccole, quei dettagli che rendono il quadro perfetto quasi quanto un sogno…

La ricetta in questione è quella di Cristina Lunardini (Alice Tv “Le mani in pasta”), l’unica personalizzazione è stata quella di aggiungere all’essenza di fiori d’arancio anche quella di millefiori, che rende questo dolce un vero trionfo primaverile (vi avviso: la pastiera in questione arriverà a pesare circa tre chili!)

Per la pasta frolla vi serviranno:

500 grammi di farina 00 – 250 grammi di burro – 250 grammi di zucchero a velo – 4 tuorli – 1 uovo – 1 pizzico di sale – la scorza di un limone

per la farcia: 420 grammi di grano cotto – 250 grammi di latte – 700 grammi di ricotta – 550 grammi di zucchero – 5 uova – 1 cucchiaio di acqua di fiori di arancio (io ho utilizzato 2 fialette di acqua di fiori d’arancio e 1 fialetta di millefiori) – la scorza di un limone e di un’arancia – 1 baccello di vaniglia – canditi a piacere (ho optato per arancia e cedro in modiche quantità).

Impastate velocemente tutti gli ingredienti per la pasta frolla, formate una palla, copritela con della pellicola e fatela riposare per 30 minuti in frigorifero.

In una pentola versate il grano cotto e mettete sul fuoco a fuoco basso. Unite il latte, la scorza grattugiata di un’arancia e  di un limone e amalgamate. Lasciate cuocere fino ad ottenere un composto cremoso.

Per la farcia lavorate la ricotta con lo zucchero, poi aggiungete le uova, la vaniglia, l’acqua di fiori d’arancio e quella di millefiori. Unite questo composto al grano e sempre mescolando, aggiungete i canditi tagliati a dadini.

Stendete la pasta frolla in una tortiera grande, imburrata, fino ai bordi: versate il ripienoe decorate con delle strisce di pasta frolla che avrete tenuto da parte. Infornate a 180° per 50-60 minuti. Una volta che la pastiera si sarà raffreddata, spolverizzate con zucchero a velo.

Provate gli aromi di questo dolce ad occhi chiusi… e vi sembrerà di essere in un campo di fiori…

Some smells and tastes belong to specific times of our lives. When I arrived in this beautiful land, sun-kissed and licked by the sea, my father-in-law told me about the emotions this cake could inspire in him since childhood, a dessert that was associated with very heartwarming images, simply smelling the aromas, coming from the oven after cooking, he said “you know what can be really  compared to the spring season in these places? It’s the Pastiera cake…”

And when food becomes the language of emotions, the recipe it’s enriched of a further value, an irresistible appeal to the heart. Therefore, I dedicate my first Pastiera to the people I love, and that day after day, teach me that life is made, above all, by small things, details that make the picture perfect, nearly like a dream …

The recipe in question belongs to chef Cristina Lunardini (Alice TV “The hands-on”), my only customization was to add the essence of millefiori, which makes this cake a real triumph of spring (I warn you: the pastiera in question will weigh about three pounds!)

For the pastry you will need:

500 grams of flour 00- 250 grams of butter – 250 grams of icing sugar – 4 egg yolks – 1 egg – 1 pinch of salt – the zest of one lemon

for the filling: 420 grams of cooked wheat – 250 grams of milk – 700 grams of cottage cheese – 550 grams of sugar – 5 eggs – 1 tablespoon orange flower water (I used 2 vials of orange water and  1 vial of millefiori) – the zest of a lemon and an orange – 1 vanilla pod – candied fruit you like (I chose orange and lime in small quantities).

Mix all ingredients quickly to the dough, form a ball, cover with plastic wrap and let rest for 30 minutes in the refrigerator.

In a saucepan, pour the cooked corn and put on the fire to low heat. Combine the milk, the grated rind of one orange and one lemon and mix. Let cook until the mixture is creamy.

For the filling, mix the ricotta cheese with sugar, then add eggs, vanilla, orange blossom water and that of honey. Add this mixture to the corn and stirring constantly, add the diced candied fruit.

Roll out the pastry into a large cake pan, buttered to the edges: pour the mix and  decorate with strips of pastry that you have kept aside. Bake at 180 ° for 50-60 minutes. Once the pastiera has cooled, sprinkle with powdered sugar.

Experience the flavors of this cake with my eyes closed … and there seem to be in a field of flowers …

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...