Storia di una tortina alle carote che diventò un cake pop… This is the story of a carrot muffin that became a cake pop…

Immagino che capiti a tutti la classica fase del “provo a fare qualcosa ed ottengo un disastro”. Diciamo che la settimana non è filata proprio liscia, sarà che l’anno bisestile porta con sé i pro ed i contro di ogni gesto quotidiano (voi ci credete? Io non molto, ma fa così tanto costume…), sarà che il passaggio alla primavera sembra ancora poco certo, sarà che anche facendo qualcosa con le migliori intenzioni, la fretta aiuti e la magia manchi in collaborazione. Fatto sta che pur scegliendo di utilizzare le carote nel frigorifero per una ricetta, presa in prestito da Giallo Zafferano (una garanzia che non oso neanche mettere in dubbio, viste le soddisfazioni ottenute in passato), ho deciso all’ultimo momento di utilizzare degli stampi in silicone, che si sono rivelati poco idonei, mentre utilizzando dei semplici pirottini, sono sicura che non mi sarei ritrovata con delle cupolette disastrose, che assomigliavano a tutt’altro.

Per farla breve, questa è la storia di una tortina di carote, delicata e gustosa (di cui trovate la ricetta qui), che per colpa di un aspetto, che non rendeva loro merito, ho deciso il giorno seguente di tramutare in un cake pop, con l’aggiunta della marmellata di albicocche vesuviane, fatta ogni anno in casa, ed una copertura al cioccolato fondente, spruzzata di codette di zucchero colorate (potete cliccare sul vecchio post per vedere i pochi passaggi per ottenere queste palline dolci su stecco).

E come si dice, vissero tutti felici e contenti!  ;)

I guess that everyone experience, sooner or later, a classic daily life phase of “I try to do something and I get a disaster.” Let’s say this week hasn’t been just pure fun, somebody would think that it’s due to this leap year that brings pros and cons of every daily gesture (do you believe in this negative approach to the leap year? I do not at all, but it sounds apparently so cool  …), could  be that the transition to spring seems still not certain, as a matter of facts, even baking something with my best intentions, it looked like the rush aided too much and the magic was missing completely in cooperation. I decided to use the carrots in the refrigerator for a cake recipe, borrowed from Giallo Zafferano (not even dare to question its perfect results, considering the perfect ones obtained in the past), but last minute I opted to use the silicone molds, which proved less suitable, while using simple paper cups, I’m sure I wouldn’t of ended up with disastrous domes, which looked like anything but round little cakes.

In short, this is the story of a carrot muffin, delicate and tasty (of which you can find the recipe here), that due to a wrong step came out as an ugly duck: that’s why, the next day,  I decided  to turn them in some funny cake pops with the addition of Vesuvian apricot jam, home-made each year, and covered with dark chocolate, sprinkled with colored sugar tails (you can click on the old post to see the few steps to get this little cake rolling on a stick).

And as the final formula tells, they all lived happily ever after! ;)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...