Una torta di mele da far invidia a Nonna Papera… GrandMa Duck would love this Apple Cake…

Ogni volta che si parla di torta di mele, la prima immagine che mi torna in mente, è la tenera Nonna Papera, che sforna la sua teglia fumante e la poggia sul davanzale della finestra di casa, per farla raffreddare…ma puntualmente un orso ghiotto la fa sparire!

Così quando ho provato questa ricetta (presa da un ricettario diverso da quello della nonnina pennuta), ho sperato che il risultato fosse altrettanto gustoso e profumato, e a detta di molti, la consistenza morbida ed umida delle mele, lasciate a riposare nel limone, ha colto nel segno!

Per questa ricetta avrete bisogno di:

1 kg di mele (pink lady)

200 grammi di farina 00

150 grammi di zucchero

qualche fiocchetto di burro per imburrare la teglia e da mettere sulla torta

2 uova

2 dl di latte

1 bustina di lievito per dolci

la scorza grattugiata di mezzo limone ed il succo

2 cucchiai di pangrattato

1 cucchiaio di zucchero a velo

Sbucciate le mele (tenendone un paio da sbucciare solo alla fine della preparazione) e tagliatele a cubetti, immergendole nel succo di limone per non farle scurire.

Sbattete con la frusta, zucchero e uova finché il composto non sarà gonfio e spumoso.

Unite al composto la farina setacciata, il latte, la scorza di mezzo limone ed infine il lievito: amalgamate bene il tutto ed aggiungete i cubetti di mela per distribuirli in tutto il composto.

Imburrate una tortiera, cospargetela con il pangrattato e versatevi il composto: a questo punto, sbucciate le mele che avrete tenuto da parte, e disponete a raggiera le fettine sottile, distribuendo per finire, qualche fiocchetto di burro sulla torta.

Infornate in forno caldo a 170° e fate cuocere per 50-60 minuti.

Una volta che la torta si è raffreddata, sformate e spolverizzate con zucchero a velo.

Ed ora non resta che mordere come farebbe un orso affamato 🙂 …

Every time I hear talking about apple pie, the first image that comes to my mind is Grandma Duck (an Italian character from Walt Disney that unfortunately most of the other people doesn’t know about) baking her great one, turning out her steaming pan from the oven and putting it on the windowsill  to cool … but often here comes an hungry bear that gets rid of it!

So when I tried this recipe (taken from a cookbook different from the famous GrandMa Duck’ one), I hoped the result was equally delicious, fragrant: according to our guests, the soft texture of the apples, leave to rest in the lemon, has hit the mark!

For this recipe you will need:

1 kg of apples (pink lady quality if possible)

200 grams of flour 00

150 grams of sugar

some butter for greasing the pan and put on the cake

2 eggs

2 cups of milk

1 packet of baking powder

grated rind and juice of ½ lemon

2 tablespoons of breadcrumbs

1 tablespoon powdered sugar

Peel the apples (keeping a few to peel only at the end of preparation, so that they won’t get dark) and cut into cubes, dipping them in lemon juice to prevent them from darkening.

Beat with a whisk, sugar and eggs until the mixture is puffy and fluffy.

Melt together with eggs mixture, the sifted flour, milk, lemon zest and then yeast: mix well and add the apple cubes to the dough.

Grease a cake pan, sprinkle with breadcrumbs and pour the mixture: at this point, peel the rest of the apples and slice them thin to cover the dough, distributing on top of them a few knobs of butter.

Bake in preheated oven at 170 degrees for 50-60 minutes.

Once the cake has cooled, sprinkle with powdered sugar.

And now you just have to bite the way a hungry bear will… 🙂

Annunci

Tigre contro tigre… Eeny meeny miney mo, catch a tigger by his toe…

Il potere di certi messaggi pubblicitari è immenso. E quando sfoglio i libri di dolci e trovo ricette bicolori come questa della torta tigrata al cioccolato e alle mandorle, scatta immediato il ritornello “due gusti, due baci” !!!

In aggiunta, in questo periodo, adoro testare delle ricette semplici, sostituendo il burro con l’olio extravergine d’oliva per dare un tocco più salutare al risultato finale, e devo dire che in questo caso, la morbidezza ed il profumo del dolce hanno sortito l’effetto desiderato.

Questo plum cake per la colazione della domenica è stato come un raggio di sole 🙂

Gli ingredienti della Torta tigrata al cioccolato e alle mandorle (tratta dal libro “Torte salate, dolci & co.”) sono:

180 grammi di farina

1/2 bustina di lievito

3 uova

170 grammi di zucchero a velo

2 cucchiai di latte

120 grammi di olio (o 150 grammi di burro come nella ricetta originale)

2 cucchiai di cacao

75 grammi di cioccolato fondente grattugiato (per velocizzare sono perfette le gocce di cioccolata)

50 grammi di mandorle sminuzzate

Accendere il forno a 180°.

Sbattere le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso, aggiungere la farina poco a poco, alternando con l’olio, ed in ultimo il lievito. Dividete a metà il composto: nella prima metà, incorporate il cacao e il cioccolato, nel secondo amalgamate le mandorle sminuzzate.

Utilizzate uno stampo da plumcake imburrato ed infarinato, alternando i due colori. Infornate e cuocete per 50 minuti.

The power of certain advertising is immense (some time ago, there was an Italian commercial spot, based on the two taste of an icecream). And when I leaf through books and find recipes for desserts such as this two-tone striped cake with chocolate and almonds, immediately comes to my mind the famous refrain “two flavors two kisses”!

In addition, during this time, I love the recipes easy to test, replacing the butter with the olive oil to give a more healthy touch to the final result, and I must say that, in this case, the softness and the sweet scent of this plum cake had the desired effect.

This plum cake for  a Sunday breakfast was like a ray of sunshine 🙂

The ingredients of the cake with almonds and chocolate brindle (from the book”Torte salate, dolci & co”) are:

180 grams of flour

1/2 packet of yeast

3 eggs

170 grams of powdered sugar

2 tablespoons of milk

120 grams of oil (or 150 grams of butter as in the original recipe)

2 tablespoons of cocoa powder

75 grams of grated dark chocolate (to speed up you can use drops of chocolate)

50 grams of chopped almonds

Turn the oven to 180 degrees.

Beat eggs with sugar until frothy, add the flour gradually, alternating with the oil, and finally the yeast. Divide the mixture in two parts: in the first half, stir in the cocoa and chocolate, in the second mix add the chopped almonds.

Use a buttered and floured loaf pan, alternating the two colors. Bake and cook for 50 minutes.

Morbida, sana e facile: è la Ciambella morbidosa… Soft, healthy, easy cake for the morning breakfast…

A volte le ricette più semplici sono quelle che, nel tempo, sono le più utili, il leitmotiv per cui un dolce finisce col prendere il tuo nome, quelle che nonostante tutti gli esperimenti vengono richieste più spesso e se “proprio devi impastare, perché non fai il ciambellone morbidoso…”. Insomma da queste parti, il dolce che si mantiene morbido più a lungo in assoluto, è una ciambella gradevole per la colazione del mattino, come per la merenda del pomeriggio, non contiene burro, ma olio extravergine d’oliva, è di esecuzione semplice e non vi farà brutti scherzi, a meno che non usiate il sale al posto dello zucchero!

Gli ingredienti necessari sono:

  • 250 grammi di farina
  • 250 grammi di zucchero
  • 130 grammi di olio extravergine d’oliva
  • 130 grammi di acqua
  • 2 cucchiai di cacao amaro
  • 1 bustina di lievito per dolci
In una ciotola sbattete le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto soffice e chiaro. Aggiungete l’acqua e l’olio continuando ad amalgamare, e poco per volta la farina setacciata. In ultimo, unite il lievito setacciato e mescolate bene. Se optate per la variante bianca, non ci sarà bisogno di aggiungere il cacao, se invece volete il classico effetto bicolore, tenete da parte dell’impasto, a cui unirete il cacao sempre setacciato.
Versate l’impasto bianco nella tortiera e solo successivamente l’impasto al cacao, che mescolerete utilizzando uno stuzzicadente da spiedino o l’attrezzo più sottile che avete per ottenere l’effetto tigrato.
Infornate in forno già caldo a 165° per circa 40 minuti. A piacere, una volta raffreddato potrete spolverizzare il dolce con dello zucchero a velo…
Il ciambellone morbidoso, come lo chiamano a casa mia, durerà per più di una settimana, mantenendo la morbidezza dei primi giorni, ma mangiato ancora caldo, sarà meglio di una carezza!
Sometimes the simplest recipes are the ones that, over time, are the most useful, everyone around will talk about this cake adding your name to it, despite all those experiments you want to face, friends will simply say “if you really have to knead, why not do the soft, two-colors simple cake…”. In short, this cake remains soft for days, it is a nice option for a healthy breakfast in the morning, as for an afternoon snack, does not contain butter, but olive oil, is simple to bake and will not make bad jokes, unless you use salt instead of sugar!
The ingredients needed are:
250 grams of flour
250 grams of sugar
130 grams of extra virgin olive oil
130 grams of water
2 tablespoons of unsweetened cocoa powder
1 sachet of baking powder
In a bowl beat the eggs with the sugar until the mixture is soft and clear. Add water and oil continuing to stir, and gradually the sifted flour. Finally, add the sifted baking powder and mix well. If you opt for the white variant,there is no need to add the cocoa powder, but if you want the classic two-tone effect, set aside the dough you will need and add the sifted cocoa only there.

Pour the mixture into the pan, first the white dough and just after the chocolate mixture, stir it using a skewer or a giant toothpick  to get the two-tone effect.

Bake in a preheated oven at 165 degrees for about 40 minutes. When cooled, you can sprinkle the cake with icing sugar …

The  squishy cake , ​​as they call it at my house, will last for more than a week, while maintaining the softness of the first day, but ate still warm, it will be better than a cuddle!

 

Piccoli cornetti per colazione… Small brioche for breakfast

Questa è una di quelle ricette preziose da portarsi sempre dietro, soprattutto se nei paraggi, ci sono persone ghiotte del classico cornetto, che potrebbero impazzire, scoprendo che riuscite ad ottenere un risultato quasi perfetto (preferisco pensare che alla perfezione si arrivi solo con decenni di esperienza e di esperimenti :)).

Comunque a riprova del fatto che anche in casa, a volte, si ottengono buoni risultati, vi invito a provate questa ricetta per i cornetti del mattino: a voi, la scelta della dimensione, io solitamente preferisco farli piccoli e congelarli per poi servirli sempre fragranti (vi assicuro che il risultato è sempre quello giusto!)

Gli ingredienti sono:
250 grammi di farina 00
250 grammi di farina 0
50 grammi di zucchero
scorza di limone
250 cl. di acqua
20 grammi di lievito di birra
50 grammi di uova
50 grammi di burro ammorbidito
250 grammi di burro per il panetto di pasta
estratto di arancia
10 grammi di sale
Sciogliete il lievito in acqua tiepida. Aggiungete lo zucchero, la scorza di limone e l’estratto di arancia.
A parte mischiate il sale con l’uovo. Se avete una planetaria il prossimo passaggio sarà veloce ed indolore, ma vi assicuro che io ho provato anche a farli senza, ed il risultato è lo stesso (diciamo che siete solo voi a faticare un pochino in più in questo passaggio).
Nel Kitchenaid ho messo il gancio da impasto, poi tutta la farina ed il composto liquido di zucchero, acqua, lievito, scorza di limone, estratto di arancia,
uova e sale.
Dopo aver impastato un paio di minuti, ho aggiunto i 50 grammi di burro ammorbidito. Dopo altri 10 minuti, togliere l’impasto dalla macchina: risulterà morbido ed un po’ appiccicoso, ma riuscirete a toglierlo facilmente dal gancio.
Mettetelo in una ciotola, coprite con pellicola trasparente e lasciate riposare in frigorifero per 50 minuti.
Passato il tempo di riposo, infarinate il vostro piano di lavoro, stendete l’impasto ottenendo un rettangolo, mettete al centro il panetto di burro e richiudete i due lati del rettangolo a libro.
Con molta delicatezza, partendo dal centro, stendete con il matterello prima verso l’alto e poi verso, in modo che il burro inizi ad inserirsi gradualmente nell’impasto.
Questo passaggio richiede molta attenzione, quindi se il risultato non vi convince, ricordate che l’importante è non stressare l’impasto e mantenere il burro all’interno della pasta.
Richiudete i lati dell’impasto verso il centro, formando una nuova piega. Avvolgete il tutto in un telo da cucina o nella pellicola, e lasciate riposare in frigo per 30 minuti, avendo cura di posizionare l’impasto nello stesso verso in cui lo avete lavorato. Dopo questi primi 30 minuti, riprendere il panetto, metterlo sul piano di lavoro, ruotarlo a 90° aprendo dal lato destro, ristendere partendo sempre dal centro verso l’esterno e fare seconda piega a 3. Rimettere in frigo altri 30 minuti e ristendere nuovamente l’impasto e ripiegare un’altra volta a tre.
Ogni volta che effettuerete questo passaggio, potrà capitare che il matterello si unga o si attacchi, quindi vi consiglio di aver un po’ di farina sempre a portata di mano, facendo attenzione a non spargerne in eccesso.
Dopo quest’ultima piega, rimettere il panetto in frigo per altri 30 minuti.
Una volta, passati questi minuti, stendete al massimo il vostro impasto, ottenendo una sfoglia sottile di non più di 3mm di spessore e facendo in modo di ottenere un lungo rettangolo. Con un coltello affilato tagliate a metà la sfoglia, e da ogni metà ottenete dei triangoli (a vostro gusto, se volete dei cornettini o dei cornetti più grandi). Se volete farcirli, mettete un cucchiaino di crema, marmellata o cioccolata vicino al lato a punta del triangolo, quindi facendo una leggera pressione sul lato lungo avvolgete e fate in modo di aiutarvi, tirando leggermente la punta, che dovrà chiudere il cornetto.
Se a questo punto, notate di aver ottenuto un numero di cornetti esagerato, rispetto agli ospiti, potete decidere di congelare i vostri cornetti e vi assicuro, che vi basterà scongelarvi un paio d’ore prima di utilizzarli, ottenendo un risultato perfetto.
Per quelli che mangerete, invece, potete spennellare i cornetti con un tuorlo e del latte o semplicemente con zucchero ed acqua, ottenendo una glassa che trattenga meglio la granella di zucchero.
Lasciate lievitare per almeno un’ora, un’ora e mezza e poi infornate in forno già caldo, a circa 180° per 25 minuti, controllando la cottura.
Buoni? Io confesso che non riesco a smettere di mangiarli…
And here is a special recipe to treasure and improve… But if you love Cornetti, I promise you won’t be disappointed trying the following one: I just can’t stop eating this gourmand brioche!
You will need:
250 grams of flour 00
250 grams of flour 0
50 grams of sugar
lemon zest
250 cl. of water
20 grams of baker’s yeast
50 grams of eggs (it will be a medium one)
50 grams of softened butter
250 grams of butter for the dough
orange extract
10 grams of salt

Dissolve the baker’s yeast into warm water. Add sugar, lemon zest and orange extract.
Apart from mix the salt with egg. If you have a Kitchenaid machine or a Kenwood one the next step will be a quick and painless one, but I assure you that I have tried to do it without that support and the result is pretty the same (let’s say you’re the only one to struggle a little bit more at this point!).

In the Kitchenaid I put the dough hook, then the flour and liquid mixture of sugar, water, yeast, lemon peel, orange extract, egg and salt.

After mixing a couple of minutes, I added 50 grams of softened butter. After 10 minutes of work, remove the dough from the machine: it will be soft and a little bit sticky, but you will be able to easily remove it from the hook (and that means you’re doing well). Pour into a bowl, cover with some plastic wrap and let rest in refrigerator for 50 minutes.

After this time of rest, flour your work surface, roll out the dough to obtain a rectangle, place the 250 grams of butter in the center of the dough and close the two sides of the rectangle as if you are closing a book.

With great delicacy, from the center, with a rolling pin roll work first up and then down, so that the butter begins to gradually integrate into the dough.
This step requires a lot of attention, so if the result does not convince you, remember that the important thing is not to stress the dough and keep the butter in.

Close the sides of the dough toward the center, forming a new twist. Wrap everything in a kitchen towel or in some plastic wrap and let rest in refrigerator for 30 minutes.

After those first 30 minutes, take the dough, place on a floured work surface, rotate 90 ° from the right side opening, roll always starting from the center outwards and make the second fold, closing in three moves (as if you are closing a window to be clear).

Put in refrigerator another 30 minutes and roll again the dough and fold again to three. Every time you perform this step it may happen that will be a kind of sticky, because of the melting of the butter,  so I recommend always having a bit of flour on hand, taking care not to spill excess.

After this turn, put the dough in the fridge again for 30 minutes.

Once these minutes have gone, roll out the most of your dough, resulting in a thin layer of no more than 3mm thick, and making sure you get a long rectangle. With a sharp knife cut the dough in half, and get from each half some triangles ( if you want the cornettini croissants make the triangles small or larger if you want them bigger). If you want to stuff them, place a spoonful of cream, jam or chocolate close at hand to the tip of the triangle, and then applying light pressure on the long side of wrap and make sure to help you, gently pulling the tip, which will close the brioche.

If, at this point, you realise that you have a large number of croissants compared to the guests, you can decide to freeze the excess and I assure you, that you can just thaw a couple of hours before using them, getting a perfect result.

You can brush the croissants with some egg yolk and milk or simply with sugar and water, getting a glaze that retains perfectly the granulated sugar you will drop on the top (it’s a must for the real gourmand croissant!) .

Let rise for at least an hour and a half and then bake in a preheated oven at 180 degrees for about 25 minutes, always checking the oven to get them baked perfectly.

Hope you will enjoy this small bite of paradise!!