Una variazione golosa: treccia di pane con ripieno di prugne al profumo d’agrumi… A marvellous braided bread stuffed with plums and flavored with citrus

La musa ispiratrice è sempre lei: Sara Papa, abile panificatrice e pasticciera, che dopo avermi stregato con il suo libro “Tutta la bontà del pane” (ben fatto, ricette che funzionano al primo tentativo e tante nozioni da imparare sugli ingredienti base), ora mi affascina con il suo programma su Alice tv.

Quando le ho visto realizzare questa treccia di pane, mi sono ricordata di aver le prugne in cucina, e non ci ho pensato un secondo.

Troverete la ricetta qui, io ho solo omesso l’utilizzo del limone (adoro sentire l’aroma dell’arancia assoluta) e se mi permettete un consiglio, credo che nella ricetta ci sia un errore quando parla di zucchero (in effetti conoscendo il suo modo di panificare, l’utilizzo del miele rende superfluo lo zucchero nell’impasto base).

Provatela!!! Le foto non rendono giustizia, ma vi assicuro che il vostro forno sprigionerà l’odore dell’estate… e visto il gelo in arrivo, ne abbiamo tutti un po’ bisogno!!!

When it’s time for bread she is definetely my fave muse: Sara Papa is the great pastry and bread chef I am fell in love with, after testing her book “All the goodness of the bread” (a book well done, recipes that work on the first try and so many concepts to learn about the basic ingredients as for flour or water or yeast), and now she is the host of a lovely  TV program on Alice’s channel on Sky Italia.
When I saw her make this bread with plums and almonds, I remembered having a box still full in the kitchen, and there I thought to test it without any doubts.You’ll find the recipe here, I just omitted the use of lemon juice (I love the aroma of the orange overall) and if you allow me some advice, I think there is a writing mistake in the recipe when it comes to sugar (actually knowing a bit her way of making bread, the use of honey makes superfluous the sugar in the dough).

Try it and let me know! The photos are not gorgeous as this healthy cake, but I assure you that your oven will give off the smell of summer … and as the frost is coming again, we all need some real sun!

Annunci

Una torta salata da farcire a piacere… Grazie Chef Persegani!

Da telespettatrice mattutina di  Casa Alice, devo dire che ci sono molte ricette veloci da cui trarre spunto per esercitarsi con lieviti e prodotti da forno… Stavolta la scelta è caduta su una ricetta semplice, ma vi garantisco, ghiottissima, eseguita dallo chef Daniele Persegani : la Torta di Rose Salata.


Gli ingredienti sono :
200 gr di farina manitoba e 300 gr di farina 00
25 lievito di birra
2 tuorli d’uovo
100 gr di panna
50 gr di latte
sale e zucchero q.b.
Per il ripieno nella versione tv venivano utilizzate 2 zucchine
1 peperone rosso
100 gr di prosciutto cotto a fettine
100 gr di edamer o fontina a fettine 30 gr di olio, sale e pepe
Io ho preferito utilizzare solo prosciutto cotto e fontina, ma a parte ho utilizzato alcuni ritagli di pasta, farcendoli  con delle acciughe sott’olio e sono venuti altrettanto squisiti 🙂
A prescindere dal ripieno che più vi aggrada, di base dovrete impastare le due farine con la panna, i tuorli, il latte ed il lievito, (unire lo zucchero al lievito ed il sale alla farina per ottenere il massimo dalla vostra lievitazione). Lasciare lievitare per 1 ora l’impasto coperto da un canovaccio.
Se decidete per il ripieno di verdure tagliare a julienne peperone e zucchine e saltarli in padella con olio sale e pepe in modo che rimangano croccanti, scolando l’olio in eccesso.
Stendere l’impasto, foderare con le fette di prosciutto, la fontina poi le verdure, arrotolare e tagliare dei tronchetti che verranno disposti verticalmente in una tortiera di media grandezza, ricoperta precedentemente con della carta forno. Lasciare lievitare ancora per un ora ed infornare a 170° C per 40 minuti circa.
A voi, inventare dei nuovi ripieni, ora…

Lista della spesa…domani Pizza!!!

Grande attesa e fibrillazione per la serata di domani. La scusa principale per cimentarsi con la ricetta della pizza di Antonino Esposito, è la nuova stagione di Romanzo Criminale, il che in termini spiccioli significa che se la pizza riesce meglio dell’ultima volta (è la mia terza volta), allora posso ambire anche io al premio di Not-so-Desperate-Housewife…

Devo dire che adoro la sfida, e anche stavolta cercherò di tenere a bada le nevrosi e danzare affinché il lievito faccia del suo meglio! La follia ultimamente esce a spasso con un cappello da chef!


N. B. E tra le tante prove, ci sarà quella che definirà la miglior teglia per pizza fatta in casa… con o senza fori?

Sottovoce (Guardo il mondo da dietro le finestre e di tanto in tanto, mi chiedo se prima o poi imparerà ad ascoltare)