Freselle integrali e buon Pasta Madre Day a tutti… Wholemeal Freselle and Happy Sourdough Day to you all…

freselle

Anche se di corsa e con la sensazione di aver dimenticato qualcosa di importante (un drink, datemi un drink base vodka o un buon bicchiere di vino rosso e tutti questi pensieri come d’incanto diventeranno incredibilmente leggeri e meno importanti: sto diventando una vera casalinga disperata), oggi ho pensato alle centinaia, forse migliaia di persone, che con un barattolo ed una palla di acqua e farina si saranno incontrate per celebrare, in lungo e largo per l’Italia, quello che di anno in anno sta diventando un evento di aggregazione sempre più divertente e importante per chi vuole avvicinarsi al mondo della pasta madre, il Pasta Madre Day… Purtroppo qui in zona quest’anno non c’era nulla di abbastanza vicino per farmi osare un pomeriggio diverso, magari il prossimo anno mi organizzerò per tempo e cercherò in zona di coinvolgere più persone possibili, magari lo farò proprio qui senza invadere troppo la calma del panorama circostante… Fatto sta che per anche per quest’anno partecipo col pensiero, e dedico a tutti i pastamadredipendenti l’ennesima bella scoperta fatta grazie alla ricetta di Fables de Sucre (Eva e Claudio sono due maghi in cucina), le freselle (che io ho fatto in stile integrale sostituendo alle due farine previste, quella integrale) con il lievito madre, preparate mentre organizzavo naturalmente le pizze del sabato sera… E che non si dica che il lievito madre è solo una gran faticaccia!!!

images-132

Alright, if you got my picture you should know at this point, that I am running up and down daily with the feeling of having forgotten something important ( a drink , give me a vodka based drink or a good glass of red wine and all these thoughts as if by magic will become incredibly lightweight and less important: as you can see, I’m becoming a real “desperate housewife”), and today, while I was running at the usual speed, I thought about the hundreds, maybe thousands of people with a glass jar and a ball of flour and water, that are going to meet all over Italy to celebrate the Sourdough Yeast Day (a great occasion to meet, practice and learn new amazing concepts on sourdough and share the same insane passion for baking all the week long!)… Unfortunately here in my area, this year there was nothing close enough for me to spend the afternoon focused on, maybe next year, I will arrange for time and try to involve more people as possible, maybe if I am clever enough I’ll do it right here without encroaching the peace of the surrounding landscape … For this year, I can just participate in my thoughts, and I wish to dedicate to all the sourdough-addicted another beautiful discovery made thanks to the recipe of Fables de Sucre blog ( Eva and Claudio are two magicians in the kitchen), the Freselle (I have done them with wholemeal flour replacing the two types of flour listed in the original recipe), baked while I was organizing the usual amour of  course pizzas for the Saturday night … No way you can think that sourdough yeast is only a much hard work, try and you’ll see the difference!

pizzevarie5

Annunci

Pane quasi integrale con Lievito madre – Not a full wholegrain bread, but…

pansemint

In questi mesi di assenza dal blog, io ed il mio lievito ne abbiamo combinate tante e con tante soddisfazioni. A breve colui a cui non ho dato mai un nome, nonostante sia la moda andante, compirà due anni di vita (esattamente il 25 aprile, che posso considerare la mia Liberazione dal Lievito di birra e dalla pancia gonfia), e credo che anche se la tendenza sembra auspicare un ritorno al lievito in polvere, io e lui dobbiamo ancora sperimentare tante cose dolci e salate, per cui pazientate e non vogliatemene se continuo a curarlo e a cimentarmi in molte ricette, trovate in giro per il web.

Oggi è toccato al pane semintegrale o quasi integrale visto che il mio lievito è prodotto e rinfrescato con farina 0, ricetta veloce, pane morbido con una crosta perfetta e dalla digeribilità ottima, ricetta trovata su uno dei blog ospitati da GialloZafferano quello di Vickyart (unica variante apportata, aver quadruplicato le dosi, visto che era la quantità di pane settimanale da produrre).

Ingredienti:

2 Kg  di Farina Integrale (io ho usato la Macina del Mulino Marino)

400 grammi di lievito madre (o in alternativa 6 grammi di lievito di birra)

1 litro di acqua

20 Grammi di sale

Sciogliete il lievito in acqua. Aggiungete tutta la farina ed il sale. Impastate bene e fate un paio di pieghe.  Lasciate lievitare in una ciotola coperta con della pellicola per 11 ore. Fate altre pieghe e lasciate lievitare altre 3 ore.

Infornare a 250° per 20 minuti, e poi abbassare a 200° per gli ultimi 10 minuti.

Quando aprirete il forno, l’aroma di pane vi avvolgerà…

pansemint2

During these silent months, me and my yeast, we have been through many recipes and experiments with much satisfaction.  My sourdough, whom I have not ever given a name , although it is an ongoing fashion apparently, will accomplish two years of life on April 25  (let’s say I can consider it as my Liberation from beer yeast and fat belly the day after) , and I think that even if the trend appears to be advocating a return to the baking powder, me and him we have yet to experience many recipes sweet and salty, so I ask for some patience around and please excuse if I continue to heal it.

Today it is the turn of the full wholemeal bread or almost full, since my yeast is produced and refreshed with flour 0 , this is a quick recipe for a soft bread with a perfect crust and excellent digestibility, a recipe I found on one of the blogs hosted by GialloZafferano, the one of Vickyart (the only alteration I made is having quadrupled doses as this was the amount of bread required on a weekly production base) .

ingredients:

2 kg of wholemeal flour (I used the Macina flour of Mulino Marino)

400 grams of yeast (or alternatively 6 grams of yeast in powder)

1 liter of water

20 Grams of salt

Dissolve yeast into water. Add all the flour and salt. Mix well and make a couple of folds. Let rise in a bowl covered with plastic wrap for 11 hours . Make other folds and let rise another 3 hours .

Bake at 250 degrees for 20 minutes , and then lower to 200 degrees for the last 10 minutes.

When you open the oven , the aroma of bread will wrap you all around… Unbelievable but true!

Cupcakes al té verde in scatola… Green tea cupcakes in a box…

Il té verde Matcha viene utilizzato in Giappone per il Cha no yu (la cerimonia del té, uno dei riti zen forse più famosi al mondo), ed è tanto raro quanto peculiare, innanzitutto per il modo in cui viene lavorato. Le foglie di questo té vengono prima cotte al vapore, asciugate e poi ridotte in polvere finissima, e tra quelli in commercio ne troverete di due tipi:  il koicha, dai granelli più spessi, proveniente da piante di più di 30 anni ed l’usucha, più sottile, che è ottenuto dalle piante più giovani.  Oltre al tradizionale impiego,  è diventato nel tempo, una spezia per arricchire tantissimi piatti, dalle zuppe ai dolci, ed il suo gusto delicato, ma unico, dona un tocco particolare al sapore delle vostre pietanze.

Avendone ricevuta una confezione in regalo, ho deciso di centellinarla (è difficile comprare questo tipo di té in Italia, e quando si trova online, i prezzi sono a dir poco sconvolgenti!) e di provare alcune ricette che mi ero ripromessa di sperimentare, prima fra tutte quella dei Cupcake al té verde con glassa al cioccolato bianco…

Avrete bisogno di 2 albumi, 30 grammi di latte di soia (ma potete usare anche del latte normale), un cucchiaino di essenza di vaniglia, 115 grammi di farina integrale, 100 grammi di fruttosio (anche in questo caso, potete sostituirlo con dello zucchero), 1 pizzico di sale, 1 cucchiaino di té verde, 95 grammi di burro e gli ingredienti per la glassa a piacere (io ho utilizzato 100 grammi di cioccolato bianco).

Iniziate mescolando insieme gli albumi, il latte e l’essenza di vaniglia in una ciotola. In un mixer, unire la farina con lo zucchero, il pizzico di sale ed il cucchiaino di té verde. Mescolare bene ed aggiungere 95 grammi di burro, leggermente ammorbidito ed un terzo del composto di albumi.

Sbattete il tutto per circa un minuto, e in due volte, versare il restante composto di albumi, amalgamando bene.

Distribuite l’impasto in pirottini di carta (cercate di riempirli sempre a metà) ed infornate a 170° gradi per 25-30 minuti, ricordando che il colore di questi cupcake è abbastanza pallido.

Una volta sfornati, potrete decorarli con la glassa che si addice meglio al vostro gusto, io ho optato per del cioccolato bianco ed un confettino di zucchero…

Inutile dirvi che l’aroma del té verde li distingue da tanti altri cupcake!

Matcha green tea is mainly famous to be the special kind of tea used during the famous Japanese Tea Cerimony (“Cha no yu“), it’s a peculiar tea, obtained from leaves steamed, dried and reduced in thin powder: you will find the koicha type, that has larger grains and comes from plants aged over 30 years, and the usucha type, that has thinner grains and comes from younger plants.

Matcha tea is precious as a spice, too, and it can be used in many, many Japanese recipes, giving to each dish a special flavour. I was lucky to get a bag of this treasure few weeks ago (it’s so difficult to buy it from Italy and when you find online occasions, they’re so expensive you prefer to use saffron instead!), so I decided to start a small corner, dedicated to this fantastic country and the first recipe I chose is Green Tea Cupcakes with White Chocolate on top…

You will need 2 egg whites, 30 grams of soya milk (you can go for a Western version using normal milk), 1 teaspoon of vanilla essence, 115 grams of whole wheat flour, 100 grams of fructose (again, you can change it with normal sugar), 1 pinch of salt, 1 teaspoon of Matcha powder tea, 95 grams of butter.

Mix in one bowl the egg whites, the milk and the vanilla. In your mixing bowl, put the flour, the sugar, the salt, the tea powder and mix a bit: add the soft butter and one third of you egg white’ mix. When is everything well mixed (it will take no more than one minute), add in two times, the rest of the egg white’s mix.

Choose you paper sweet cake and fill the half of them, bake in the oven at 170° for 25-30 minutes (the colour will be very pale so don’t worry) and than decide your glazed topping (I used 100 grams of white chocolate that matches perfectly with the tea flavour)… I am sure you will enjoy this Matcha cupcakes alot!