Whoopies alle fragole con ganache di cioccolato… Strawberry whoopies with chocolate ganache…

Sono in una di quelle fasi di stallo, dovute alla voglia di imparare e migliorare, che mi porto dietro come un bagaglio a mano, non sempre facile da trasportare. Ma così è, quindi perdonate le assenze più o meno lunghe, perché sto “studiando”, grazie ad un libro bellissimo, che per ora non svelo, ma di cui poi vi racconterò, perché le prime impressioni sono ottime!

Per ora vi lascio l’ultimo esperimento dolce, si tratta di whoopies alla fragola con ganache di cioccolato: per la ricetta base dei whoopies a cui toglierete il té verde ed aggiungerete 100 grammi di fragole fresche vi rimando al mio vecchio post, mentre per la ganache vi basteranno 4 cucchiai di panna fresca e 150 grammi di cioccolato (dovrete far sciogliere il tutto a bagnomaria, e poi lasciar raffreddare fino ad ottenere una crema lavorabile con il sac à poche).

Il sapore è delicato grazie alla frutta fresca ed il cuore di cioccolato lo rende ghiotto al punto giusto. Alla prossima e perdonate l’assenza…

My silence in the coming weeks is mainly due to the desire to learn and improve, which belongs to me since I was a child, as hand luggage, not always easy to carry. But this is it, so forgive my absences more or less long, because I’m “studying”, thanks to a wonderful cooking book, which for now I will not tell the title or the subject of, but of which I hope to live a bit in my kitchen and then come back to you with new experiments to share, because first impressions about it are great!

For now I leave you with my last sweet experiment, it’s whoopies again, but this time strawberry taste with a soft chocolate ganache as filling cream: for the basic recipe of whoopies simply refer you to my old post, from which you need to substitute green tea and add 100 grams of fresh strawberries, while for ganache you will need 4 tablespoons of fresh cream and 150 grams of chocolate (you have to melt it all in a water bath, and then allow to cool until it is easy to work with a pastry bag).

The flavor is delicate due to the fresh fruit and delicious chocolate heart makes the right compromise for a cuddle moment. See you soon and pardon the absence …

Annunci

Sono in loop da whoopies… Whoopies-addicted, what else?

Non contenta delle due ricette già provate, ho deciso di comprare su Amazon il libro francese “Whoopies sucrés & salés” della Hachette, il fatto di poter testare nuove ricette di whoopies mi sembrava fantastico e devo dire che più ne preparo, più penso alle successive versioni da testare. E’ normale? Secondo me, la linea con la dipendenza-assefuazione è diventata quasi impalpabile…

La ricetta base prevede 180 grammi di farina, 1/2 cucchiaino di bicarbonato, 8 gr. di lievito (sulla ricetta si parla di mezzo sacchetto, quindi utilizzando quello da 16 grammi ho visto che andavo bene con la metà anch’io), 50 grammi di burro, 100 grammi di zucchero a velo, 1 uovo, 1 vasetto di yogurt intero che io ho sostituito con 125 ml di latte (la consistenza dei dolci con lo yogurt è meno soffice e più elastica, così ho preferito il latte) e per la versione di oggi ho utilizzato 1 cucchiaino di cannella.

In una ciotola setacciate gli ingredienti secchi e cioè la farina, il bicarbonato, il lievito e la cannella, mescolando il tutto per bene. In una ciotola a parte, amalgamate il burro morbido con lo zucchero a velo, fino ad ottenere un composto omogeneo e cremoso, a cui aggiungerete l’uovo e continuando a mescolare per ottenere un risultato senza grumi. A questo punto la ricetta originale prevede di aggiungere il latte, però io ho preferito aggiungere la ciotola degli ingredienti secchi, mescolare e solo successivamente aggiungere a filo il latte, regolandomi per non ottenere un impasto troppo liquido (dovrete lavorare i whoopies con il sac à poche o con un cucchiaio quindi le due cose non si sposano affatto). A questo punto, ho versato il tutto in un sac à poche e ho formato i miei piccoli biscotti su una teglia, ricoperta di carta forno: come al solito potrete togliere il riccio che si forma, bagnandovi le mani, ed appiattendo le palline per ottenere un aspetto più tondeggiante.

Infornate a 180° per circa 10-12 minuti e lasciate raffreddare i vostri whoopies prima di farcirli.

Stavolta la scelta è caduta su un barattolo di crema di marroni canditi, ricevuta in regalo per Natale: il sapore intenso della castagna con quello della cannella hanno creato un effetto molto whoopie!!!

Not satisfied with the already tried two recipes of whoopies, I decided to buy the French book on Amazon, “Whoopies Sucres & Sales” edited by Hachette, I was so excited to be able to test new whoopies’ recipes and I must say that the more I bake them, the more I think about the next version to be tested. Am I insane or not? In my opinion, the line with this food-crush has become almost non-existent …

The basic recipe includes 180 grams of flour, 1 / 2 teaspoon of baking soda, 8 gr. of powder yeast, 50 grams of butter, 100 grams of powdered sugar, 1 egg, 125 ml of milk (the original recipe uses a small jar of yogurt, but I prefer the milk consistency compared to) and for todays’ version  I used 1 teaspoon of cinnamon powder.

In a bowl sift the dry ingredients i.e. the flour, the baking soda, the baking powder and the cinnamon, mixing them well. In a separate bowl, mix the butter with the icing sugar until the mixture is smooth and creamy: add the egg and continue stirring to obtain a result without lumps. At this point the original recipe plans to add the milk, but I preferred to add the bowl of dry ingredients, stir and then add milk little by little, so that the dough doesn’t become too liquid thin (you have to work the whoopies with a sac à poche or with a spoon so the two things do not match at all). At this point, I formed my little biscuits on a baking sheet covered with parchment paper: as usual you can remove the curl formed with wet fingers and flatten the balls to get a more rounded shape.

Bake at 180 degrees for about 10-12 minutes and let cool before choosing your cream filling.

This time the choice fell on a can of  candied chestnuts cream, received as a gift for Christmas: the intense flavor of the chestnuts with cinnamon have created a very Whoopie Feeling!

Ancora whoopies… Yes, it’s Whoopies again!!!

Facile diventare monotematici, quando si incontra un dolcetto che riassume tutte le qualità giuste per sfamare occhi, gola e mente, ed io temo che i whoopies saranno il mio tormentone 2012, perchè alla seconda variante (stavolta è toccata alla variante Sacher Light), pensata per un regalino di onomastico, ho avuto la conferma che sono proprio buoni e divertenti da fare, quindi ho cominciato a buttar giù una lista di tutti i gusti, che vorrei sperimentare… questo purtroppo significa che dovrete rivedere ancora whoopies da queste parti, per chissà quanti post! 🙂

La seconda ricetta è molto più legata a quella tradizionale, ma al solito io ho preferito utilizzare della buona gelatina di albicocche fatta in casa per il ripieno, al posto di creme a base burro, che trovo molto meno digeribili e gradevoli.

Per questa ricetta vi serviranno:

  • 300 g di farina
  • 35 g di cacao amaro
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 100 g di burro a temperatura ambiente (più morbido è, meglio lavorerete l’impasto)
  • 170 g di zucchero (la ricetta americana prevede lo zucchero scuro, ma ho cercato di rendere più semplici le cose)
  • 1 uovo
  • 125 ml di latte fresco
  • sale e vaniglia
Mescolare insieme farina, cacao, lievito e bicarbonato e setacciateli bene. Montate in un’altra ciotola il burro con lo zucchero, aggiungete la vaniglia ed il pizzico di sale. Unite a questa seconda ciotola, l’uovo e continuate a montare. A questo punto, aggiungete al composto morbido, le polveri setacciate, alternandole con il latte a temperatura ambiente. Amalgamate bene il tutto e riempite un sac a poche, con beccuccio liscio grande o semplicemente senza, facendo attenzione a distanziare bene i vostri biscotti.
Una volta che i vostri biscotti saranno posizionati sulla teglia, con le dita bagnate, togliete il ciuffetto che si forma con il sac à poche, e così sarete sicure, che il biscotto avrà la sua tipica forma bombata e tonda.
Infornate a 170° per 10 minuti e una volta, che avrete fatto raffreddare il tutto, farcite a piacere! E poi…whoopieeeeeee!
Easy to become single-issue (or let’s say single-recipe!), when you “meet” such a cookie, which summarizes all the right qualities to feed your eyes, your taste and last but not least, your mind: should say  I’m afraid that this will be my catchphrase for year 2012 (but sincerely I am not!), the fault is probably this second recipe I tried (I called it  Light Sacher Whoopie), designed for a gift of the saint’s day: they are just good and fun to do, so I began to list down of all the flavours I want to experience…
This unfortunately means you have to see them again around here! 🙂 The second recipe is much more related to the traditional one, but I usually preferred to use the good homemade apricot jelly for the filling in place of butter creams, which I find very pleasant and less difficult to digest (and store).
For this recipe you will need:
300 g of all purposes flour

35 g of cocoa powder
1 teaspoon baking powder
1 teaspoon baking soda
100 g butter at room temperature (softer, the better you work the dough)
170 g of sugar (brown sugar as provides the American recipe, but I tried to make things easier)
1 egg
125 ml of fresh milk
salt and vanilla

Mix together flour, cocoa, baking powder and baking soda and sift them well.Whip the butter in another bowl with sugar, add vanilla and pinch of salt. Add to this second bowl, the egg and continue to mount. At this point, add the soft mixture, sift the powder, alternating with the milk at room temperature. Mix well and fill a pastry bag with plain nozzle or simply without, being careful to distance well your cookies.
Once your cookies are placed on the tray , wet your fingers  to remove the tuft which the sac forms, and so you are sure that the cookie will have its typical rounded shape.

Bake at 170 degrees for 10 minutes and once you have done everything to cool, fill with the cream or jelly or jam you like most! And then … whoopieeeeeee!


Una scoperta dolce, i whoopies… Whoopies, a sweet discovery…

Girando allegramente per il web, ho scoperto il blog di una bravissima chef francese, Chef Nini, che propone ricette originali, gustose e bellissime da vedere… E tra le tante ricette che mi sono ripromessa di provare, mi ha incuriosito quella dei suoi Whoopies al té verde Matcha (sarà che questa portentosa polverina verde aveva bisogno di qualche nuova formula per esser testata, sarà che le foto della brava Nini erano talmente belle da farmi superare qualsiasi remora…). Non sapevo che quella dei Whoopies è una moda che impazza, sono praticamente i diretti concorrenti dei tanto temuti Macarons, e in America si discute ancora sui loro luoghi d’origine (c’é chi sostiene che la Whoopie Pie sia il dolce caratteristico dello stato del Maine e chi invece afferma che sono parte della tradizione Amish della Pennsylvania…ai posteri l’ardua sentenza!): origini a parte, dopo averli provati, ve li consiglio, nonostante siano una moda. Sono morbidi, sono facili da fare e potete sbizzarrirvi con tutte le varianti possibili (quelli più famosi sono in stile biscotti Oreo, al cioccolato con crema di latte, ma quando si tratta di variazioni su tema, ognuna di noi ha nel cassetto qualche curiosità da sfatare o sbaglio?), io qui vi riscrivo la ricetta che ho utilizzato, anche se per il ripieno ho scelto qualcosa di più delicato come la marmellata di mirtilli rossi (anche perché non è ancora tempo di ciliegie!)…

Per questa ricetta (sono circa 20 whoopies, quindi 40 biscotti) vi occorrerà:

Per i biscotti

250 grammi di farina – 100 grammi di burro a pomata – 2 cucchiaini di té verde Matcha – 100 grammi di zucchero – 1 uovo – 10 cl. di latte – 1 cucchiaino di lievito in polvere – mezzo cucchiaino di bicarbonato in polvere

Per la crema di farcitura originale

150 grammi di mascarpone – 15 grammi di zucchero – 1 cucchiaino di té verde matcha e 10 ciliegie (che potrete sostituire con altra frutta)

Sbattete il burro con lo zucchero fino ad ottenere un composto morbido ed omogeneo. Aggiungete l’uovo e continuate a mescolare. Versate la farina, il té, il lievito ed il bicarbonato e mentre mescolate il tutto, aggiungete il latte a filo. Il risultato sarà un composto morbido, ma non liquido.

Mettete il composto in una sac à poche e su una teglia coperta con carta forno, fate i vostri biscotti (dai 4cm ai 6cm)  sempre attente, a mantenere le distanze, perché in forno, si allargheranno.

Mettete in forno preriscaldato a 180° per 10 minuti, ed una volta pronti, lasciateli raffredare.

Per la farcitura: mescolate bene il mascarpone con lo zucchero ed il té verde ed una volta farcito il biscotto, aggiungete al centro un pezzetto della frutta scelta. Chiudete con un altro biscotto e conservate in frigo (nel caso, invece di una farcitura più semplice, si manteranno bene anche fuori dal frigo).

Ora non vi resta che gustare il vostro whoopie in compagnia di un buon té o di tanti amici golosi!

During my daily web explorations, I discovered the blog of a talented French chef, Chef Nini, she is offering original recipes, tasty and amazing pictures … Among the many recipes that I promised myself to try, I was curious about the   Whoopies Green Tea Matcha’s one (this special green powder so portentous I received from Japan is always in need of some new formulas to be tested, and the one proposed by chef Nini had so amazing photos I thought it did worth my while to try…). I did not know that Whoopies are the last fashion in baking, they are practically the direct competitors of the French Macarons, and in America there is still debate about where they really come from (there are those who maintain that the Whoopie Pie dessert is typical of the state of Maine and who says they are part of the traditional Amish recipes of Pennsylvania … in between, I just decided to go for my trial!). Origins aside, after being tested, I recommend them, despite being a fashion. They are soft, they are easy to make and you can pick any all the possible variants (the most popular are the Oreo style’ cookies, chocolate cake with cream, but when it comes to variations on the theme, each of us has her own ideas, isn’t it?); here I will rewrite the recipe I used, although for the filling I chose something more delicate like the cranberry sauce (because it is not yet time to cherry over here, girls!)…

For this recipe (whoopies are about 20, then for 40 cookies) you will need:

For the biscuits

250 grams of flour – 100 grams of butter cream – 2 teaspoons of Matcha green tea powder – 100 grams of sugar – 1 egg – 10 cl. milk – 1 teaspoon baking yeast – ½ teaspoon of baking powder (bicarbonate)

For the Chef Nini’s  filling cream:

150 grams of mascarpone (or any plain cream cheese) – 15 grams of sugar – 1 teaspoon matcha green tea powder and 10 cherries (you can substitute with other fruit or jam).

Beat butter with sugar until the mixture is smooth and homogeneous. Add the egg and continue stirring. Pour the flour, tea powder, baking powder and baking soda (bicarbonate) and mix together and add the milk little by little. The result is a soft but not liquid dough.

Put the mixture into a pastry bag and on a baking sheet covered with parchment paper, make your biscuits (from 4 cm to 6 cm) always being careful to keep a little bit of distance, because in the oven, they will be broadened.

Place in a preheated oven at 180 degrees for 10 minutes, and once ready, let them cool.

For the filling: Mix the mascarpone with the sugar and green tea powder, and once stuffed the cookie, add a piece of fruit in the middle range. Close with another cookie and stored in the refrigerator (in the case, instead of a simple filling, you will conserve well out of the fridge).

Now you just need to enjoy your Whoopie in good company or just sipping some cups of tea 🙂